Sono 51 le tonnellate di generi alimentari donati dalle migliaia di cittadini che nella giornata di sabato 21 febbraio si sono recati nei supermercati di Modena e provincia.

 

E’ stato davvero un grande risultato quello dell’ultima raccolta alimentare – promossa da Rock No War, Porta Aperta e Associazione Servizi per il Volontariato – progetto Portobello: è stato infatti battuto ogni record. Grazie al contributo di migliaia di persone che hanno confermato la fiducia nell’iniziativa e hanno fatto la loro donazione e grazie anche all’impegno degli oltre 500 volontari che si sono dati da fare, sono state infatti raccolte sabato scorso ben 51 tonnellate di generi alimentari. Tra i prodotti maggiormente donati passata di pomodoro, farina, riso, pasta, legumi e olio.
43 i supermercati ed ipermercati di Modena e provincia interessati dall’iniziativa, grazie alla collaborazione con CoopEstense, NordiConad e Panorama.
I generi raccolti quest’anno saranno destinati ad un progetto di Rock No War in Zimbabwe (St. Albert Mission Hospital) e alle famiglie in condizioni di difficoltà di Modena e provincia. Da quest’anno infatti, accanto all’Emporio Portobello di Modena e Porta aperta Modena, sono stati coinvolti più da vicino anche Porta Aperta Carpi, Il Pane e le Rose – emporio di Soliera e Il Melograno – emporio di Sassuolo, per cercare di rendere ancora più capillare la presenza e la re-distribuzione dei prodotti.
Il numero di volontari, la risposta dei cittadini e la collaborazione con chi gestisce i negozi confermano che Rock No War, Porta Aperta Modena e Portobello, sono organizzazioni che godono della fiducia dei modenesi: se da un lato tale risposta è motivo di soddisfazione, dall’altro comporta responsabilità e impegno a intensificare le energie impiegate ad aiutare non solo chi vuole superare le difficoltà economiche qui a Modena, ma anche ai popoli che vogliono guardare con speranza al proprio futuro.