Torna sabato 21 febbraio 2015 la raccolta alimentare a favore dei progetti di Rock No War, Porta Aperta e Portobello – Emporio sociale di Modena. Obiettivo: incrementare i già lusinghieri risultati dello scorso anno, quando vennero raccolte 45 tonnellate di generi alimentari.

Per fare questo, grazie anche all’entusiasmo delle associazioni che hanno aderito alla Raccolta, è stato aumentato il numero di punti vendita coinvolti (43 postazioni tra Modena e provincia), per un totale di 500 volontari coinvolti.

Saranno proprio i volontari a consegnare a chi vorrà donare una lista degli alimenti da acquistare ed una borsa da riempire, invitando ciascuno a fare quanto nelle proprie possibilità per sostenere i progetti.

Cosa si può acquistare:

Come gli anni scorsi, l’iniziativa ha lo scopo di raccogliere alimenti preferibilmente a lunga scadenza e/o non-deperibili. In particolare: riso, scatolame vario, olio, farina.

 

Dove si può donare:

COOP

MODENA:

  • Centro commerciale Grandemilia
  • Specialcoop
  • Centro commerciale I Portali
  • Centro commerciale I Gelsi
  • Coop Cialdini

IN PROVINCIA

  • Sassuolo (Mezzavia)
  • Carpi (Centro commerciale Borgogioioso e Magazzeno)
  • San Cesario
  • Castelfranco Emilia (Le Magnolie)
  • Nonantola
  • Ravarino
  • Spilamberto
  • Maranello
  • Piumazzo
  • Vignola
  • Castelvetro
  • Castelnuovo
  • San felice
  • Formigine (I Giardini)
  • Soliera

CONAD

MODENA:

  • Centro commerciale la Rotonda
  • Conad Leonardo
  • Conad Crocetta
  • Conad Giardino
  • Conad Le Torri
  • Conad Madonnina
  • Conad Zeta
  • Conad Modena Est
  • Conad Parco
  • Conad San Damaso
  • Conad center Baggiovara

IN PROVINCIA

  • Carpi (Pile e Quartitolo)
  • Nonantola
  • Spilamberto
  • Maranello
  • Spezzano
  • San felice
  • Formigine (4 passi)
  • Montale Rangone
  • Limidi

Panorama

  • Centro Commerciale Sassuolo

I BENEFICIARI
I prodotti raccolti quest’anno saranno destinati, oltre che a Portobello,  ad un progetto in Zimbabwe e alle famiglie in condizioni di difficoltà di Modena e provincia. Da quest’anno infatti sono coinvolti più da vicino anche Porta Aperta Carpi, Il Pane e le Rose – emporio di Soliera e Il Melograno – emporio di Sassuolo, per cercare di rendere ancora più capillare la presenza e la re-distribuzione dei prodotti.

Rock No War s’impegna a sostenere St. Albert Mission Hospital in Zimbabwe, uno dei pochi ospedali missionari ancora funzionanti e con un bacino di utenza di circa 10.000 persone. Lo Zimbabwe è un paese dilaniato da una delle peggiori crisi umanitaria al mondo. Il regime autocratico di Mugabe, la carestia, l’epidemia di HIV-AIDS e la malaria ormai fuori controllo hanno portato il più drastico aumento della mortalità infantile al mondo: un bambino ogni quattro. Il 60% della popolazione è composta da bambini e ragazzi, è indispensabile un’azione immediata per impedire che il futuro di una intera generazione venga irrimediabilmente pregiudicato.

Porta Aperta Modena si impegna dal 1978 grazie a 450 volontari nella promozione sociale, servizi alla persona e prevenzione del disagio e gravi forme di emarginazione. In particolare tra i suoi servizi: centro di accoglienza aperto tutti i giorni e attivo h24 (servizi igienici, doccia calda, dormitorio), mensa con una media di 50 utenti al giorno, per quasi 20.000 pasti in un anno, raccolta e distribuzione di alimenti, indumenti e oggetti per la casa, ambulatorio medico, che copre circa 1800 visite all’anno e servizio di patrocinio legale gratuito.

Portobello è attivo dal luglio 2013 e da allora ha fornito aiuto diretto a 2766 persone e ridistribuito a 31 organizzazioni del territorio.

 

I promotori della Raccolta Alimentare ringraziano tutte le associazioni, parrocchie, scuole e partner della città che hanno contribuito all’organizzazione della giornata coinvolgendo i volontari indispensabili per l’iniziativa.